loading
  • Star della TV: il britannico mostra la Opel Kadett "Oliver", sua fedele compagna d'Africa
  • Appassionato di auto: il commentatore è entusiasta del design e della qualità di Opel
  • Un occhio allenato: Hammond mette "nel quadro" Opel Mokka con il filtro dell’Augmented Reality

 

Una nuova clip social: Richard Hammond ama OpelRüsselsheim. Avete mai sentito parlare della Opel "Oliver"? Così il presentatore britannico Richard Hammond ha chiamato la sua Opel Kadett del 1963. Perché c'è uno stretto legame tra Hammond e la sua Opel "Oliver": ha comprato la Opel Kadett in Botswana nel 2007 e poi ha fatto un avventuroso tour attraverso l'Africa per lo show televisivo "Top Gear". Ora Hammond sta aprendo il suo garage per Opel e la piattaforma online per fan "Drivetribe" e mostra nel video di Youtube perché gli piace Opel e cosa ha intenzione di fare con "Oliver". Osa anche dare un'occhiata al nuovo Opel Mokka attraverso il filtro per l’Augmented Reality sviluppato dal team Opel Social Media ed è entusiasta di Mokka e del suo potenziale social.

Ecco come funziona l'amicizia: potete contare sulla Opel "Oliver"

Richard Hammond è quello che gli inglesi chiamano un vero “car ethusiast”. È noto agli appassionati di auto come il presentatore televisivo sempre inquieto delle riviste automobilistiche di successo Top Gear e The Grand Tour, dove inizia regolarmente campagne folli e sottopone "i suoi" veicoli a dure prove. Una di queste è stata la Opel Kadett del 1963, con la quale Hammond voleva fare un tour di 1.000 miglia attraverso l'Africa meridionale circa 13 anni fa. Fin dall'inizio c'è stato uno stretto legame tra lui e il suo nuovo compagno, così ha ribattezzato "Oliver" la Opel Kadett. E "Oliver" non lo delude mai, conquista le strade più difficili e mostra qualità "che apprezziamo nelle persone", come dice Hammond. "Oliver è coraggioso. E’ leale come può essere un amico", dice elogiando la Opel Kadett A. Non per niente la Opel Kadett A è ancora oggi un simbolo del "miracolo economico" tedesco. Circa 650.000 unità uscirono dalla linea di produzione tra il 1962 e il 1965 e fornirono mobilità a gran parte della popolazione e a intere famiglie. Questo veniva garantito da un motore a quattro cilindri da 40 CV, bassi costi di esercizio, un grande bagagliaio e un interno spazioso, che stupì gli automobilisti dell’epoca. O come dicevano gli annunci, "Opel Kadett equivale a O.K.".

Ma quando attraversarono un fiume in mezzo alla savana, anche "Oliver" iniziò a nuotare e Hammond lanciò un grido di disperazione che finirà nella storia della TV. Non mi sorprende che non abbia lasciato lì "Oliver", ma l'abbia portato nel suo garage in Gran Bretagna. Dopo il restauro, la sua Opel Kadett sta per ottenere un’altra rinfrescata qui, ma come apparirà esattamente? Commenti e suggerimenti sui social sono i benvenuti.

Ancora oggi, il presentatore si entusiasma del fatto che ci sia "molto da ammirare e nulla che vada storto con la macchina, perché non c'è nulla che potrebbe andare storto". In altre parole, la Kadett ha già i tipici geni Opel che si applicano più che mai ai nuovi modelli con l'emblema Blitz e ha una caratteristica particolare: offre esattamente ciò di cui i guidatori e i passeggeri hanno bisogno per un viaggio rilassato.

Visionario e affascinante: Opel Mokka nel filtro tridimensionale Augmented Reality

Quindi è logico che Hammond dovrebbe dare un'occhiata più da vicino al nuovo Opel Mokka sul suo smartphone grazie al filtro Augmented Reality sviluppato appositamente per Mokka. "Uno strumento davvero interessante", come dice l’appassionato di auto. E da ogni prospettiva. "Devi continuare a provarlo, ha un grande potenziale", afferma con entusiasmo Hammond e colloca un Opel Mokka digitale con i suoi cani o in una miniatura virtuale sulla stufa. Le possibilità di mettere la visionaria Opel "nel quadro" sono illimitate. Hammond consiglia quindi a tutti coloro che vogliono dare un'occhiata al nuovo Opel Mokka da ogni angolazione: "Utilizzate questo filtro!". E per altre notizie da Hammond, "Oliver" e Opel Mokka: Restate sintonizzati!

Torna all'inizio